Approfondimenti

Il Parco Nazionale Del Cilento

Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, secondo parco in Italia per dimensioni, si estende dalla costa tirrenica fino ai piedi dell'appennino campano-lucano, comprendendo le cime degli Alburni, del Cervati e del Gelbison, nonché i contrafforti costieri del monte Bulgheria e del monte Stella. Alle straordinarie emergenze naturalistiche, dovute alla notevole eterogeneità del territorio, si affiancano il carattere mitico e misterioso di una terra ricca di storia e cultura: il richiamo della ninfa Leucosia alle spiagge dove Palinuro lasciò Enea; dai resti delle colonie greche di Elea e Paestum alla splendida baia di Trentova ad Agropoli e l'affascinante Certosa di Padula. L'Ente Parco ha il compito di perseguire le seguenti finalità di tutela ambientale e di promozione sociale:
a) tutelare, valorizzare ed estendere le caratteristiche di naturalità, integrità territoriale ed ambientale, con particolare riferimento alla natura selvaggia dell'area protetta;
b) salvaguardare le aree suscettibili di alterazione ed i sistemi di specifico interesse naturalistico; conservare e valorizzare il patrimonio storico-culturale — artistico; migliorare la copertura vegetale in relazione a specifici interessi di carattere naturalistico, produttivo e protettivo;
c) favorire, riorganizzare ed ottimizzare le attività economiche, in particolare quelle agricole, zootecniche, forestali, turistiche, con particolare riferimento alla naturalità e biodiversità, ed artigianali e promuovere lo sviluppo di attività integrative compatibili con le finalità precedenti;
d) promuovere attività di ricerca scientifica e studio di educazione ambientale nonché concernenti la crescita culturale delle popolazioni residenti;
3. L'Ente Parco assume, inoltre, tra i suoi obiettivi prioritari anche i seguenti:
a) ripristinare le aree marginali mediante ricostruzione e difesa degli equilibri ecologici;
b) individuare forme di agevolazione a favore dei privati singoli o associati che intendano realizzare iniziative produttive o di servizio compatibili con le finalità istitutive del Parco Nazionale;
c) promuovere interventi a favore dei cittadini portatori di handicap per facilitare l'accessibilità e la conoscenza del Parco.
d) Attuare iniziative dirette a valorizzare l'ambiente marino, anche miranti a promuovere l'istituzione (o l'ampliamento) da parte degli organi competenti di aree naturali protette.
Più analiticamente, l'Ente persegue le summenzionate finalità generali attraverso l'emanazione di atti e pareri propri nei seguenti ambiti specifici:

  • Strumenti urbanistici generali
  • Strumenti urbanistici attuativi
  • Varianti agli strumenti urbanistici
  • Iistanze di condono e sanatoria
  • Istanze di attività e di edilizia privata
  • Istanze di utilizzazioni boschive e piani di assestamento forestale
  • Valutazioni di impatto ambientale
  • Valutazioni di incidenza per i procedimenti di competenza

L'Ente persegue le finalità di tutela del suolo, della fauna e della flora attraverso:

  • la produzione di cartografie tecniche e tematiche;
  • l'attività di previsione, prevenzione e contenimento degli squilibri ecologici;
  • la programmazione, controllo e gestione delle attività di Antincendio Boschivo;
  • i piani di Gestione delle aree SIC e ZPS;
  • gli studi, ricerche e monitoraggio nel campo della conservazione della natura;
  • le attività di previsione e prevenzione antincendio (Piano Antincendio Boschivo);
  • i rapporti con gli altri enti preposti per le problematiche connesse alla conservazione della flora e della fauna;

Nei confronti della comunità locale, l'ente interviene tra l'altro con:

  • contributi e finanziamenti per attività culturali e ricreative;
  • organizzazione di fiere, esposizioni, mostre, convegni e seminari;
  • valorizzazione e promozione dei prodotti agroalimentari;
  • fgestione di importanti finaziamenti comunitari e nazionali;
  • investimenti attuati in collaborazione con gli Enti Locali;
  • educazione ambientale;
  • informazione ecologica e naturalistica;
  • indennizzi per il mancato taglio boschivo;
  • indennizzi per i danni da fauna.


Back to top

© 2013 Fondazione Giambattista Vico via 133 84043 Vatolla - SALERNO Italy P.I. 00722120268 - Credits

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 il sito web è stato realizzato con il cofinanziamento dell'Unione Europea

Progetto "Una Biblioteca per il Parco"